• Enigmi e indovinelli,  Giocare con la matematica

    L’età dei figli

    Fin dall’antichità gli indovinelli hanno affascinato l’uomo. Se ne trovano di tutti i tipi e per tutte le fasce di età. Oggi ve ne propongo uno molto carino e non così impossibile come appare ad una prima lettura. Pronti a premervi le meningi? L’indovinello è il seguente. Due amici , Alberto e Marco, si incontrano dopo molto tempo e dopo essersi scambiati i soliti convenevoli, uno chiede all’altro: “Non mi ricordo l’età dei tuoi figli” “Il prodotto delle loro età è 36 e la somma è uguale al numeri civico della casa qui di fronte” risponde Marco Dopo aver guardato il portone Alberto non riesce ancora a trovare la soluzione…

  • Curiosità matematiche,  I grandi matematici,  Pillole di matematica,  Storia della matematica

    Eulero e Venn

    Mia figli ha appena iniziato le medie e il primo argomenti di aritmetica sono gli insiemi. Quando si parla di insiemi la prima immagine che ci viene alla mente sono gli ovali con all’interno gli elementi che formano l’insieme stesso; questa rappresentazione viene definita diagramma di Eulero-Venn. Ma voi lo sapete che sono due persone diverse, che non solo non hanno mai lavorato insieme, ma addirittura sono vissuti in epoche diverse? Ebbene sì. Eulero, o meglio Leonhard Euler, matematico, fisico e astronomo svizzero fu il più importante scienziato del ‘700. Ma di lui parleremo più a lungo in un altro momento per dargli l’importanza che merita. Ora limitiamoci a capire…

  • Curiosità matematiche,  Pillole di matematica

    Il paradosso

    Qualche giorno fa vi ho parlato del paradosso del coccodrillo e, ancor prima di quello di Achille e la tartaruga, ma ora forse è bene capire cosa sia un paradosso. Provo a spiegarlo nel modo più semplice possibile, anche se ammetto che il concetto è macchinoso e bisogna provare a ragionare “per assurdo” come amano dire i matematici. Il paradosso è un ragionamento che parte da fondamenti corretti e che, dedotto con un ragionamento logico, arriva ad una conclusione contraddittoria, cioè in contrasto con l’opinione comune. Il termine paradosso deriva dal greco para (= contro) e doxa (= opinione). Quindi per farla molto semplice, il paradosso è una conclusione falsa…

  • Consigli di lettura

    Storie che contano. 10 storie per divertirsi con i numeri

    Elfi dei numeri che festeggiano controcompleanni, specchi magici, numeri che assomigliano a grandi uova, 8 coricati e tanto altro per questo libro in cui i numeri sono tutt’altro che seri ed impettiti. Con il signor Contatutto potrete vivere incredibili avventure tra numeri ed incantesimi e vi assicuro che il divertimento è assicurato. E’ un libro molto divertente adatto ai bambini più piccoli che ha il nobile scopo non solo di divertire, ma anche di sfatare il mito secondo cui tutto ciò che ha a che fare con i numeri è noioso e complicato.

  • Matematica no problem,  Pillole di matematica

    Dal piccolissimo al grandissimo

    Vi siete mai chiesti come fanno gli scienziati a misurare le cose piccolissime, come ad esempio un atomo, o quelle grandissime come ad esempio la grandezza del sole o dei pianeti che compongono il nostro sistema solare? Sembra impossibile, ma, con l’aiuto della matematica, si sa che l’impossibile diventa possibile! Poter esprimere numeri molto piccoli o molto grandi si usano le potenze del 10, cioè quelle potenze che hanno 10 come base: 1012, 1043, 10105 sono tutti esempi di potenze di 10. Calcolare una potenza simile è molto semplice, basta infatti scrivere 1 e farlo seguire da tanti zeri quanto indica l’esponente della potenza, in questo modo: E così via.…

  • Curiosità matematiche,  Enigmi e indovinelli,  Giocare con la matematica,  I grandi matematici

    L’enigma del coccodrillo

    Sono quasi sicura che vi starete chiedendo quale sia il legame tra la matematica e un coccodrillo. Per scoprirlo vi basterà leggere la seguente storia inventata dal filosofo greco Diogene un vero appassionato di paradossi. Un giorno, un affamato coccodrillo vide sulla sponda di un fiume una bambina e, pensando che fosse un ottimo pranzo, l’agguantò per mangiarsela, ma fu interrotto dalle urla disperate della madre terrorizzata per la sorte della figlia. Il coccodrillo si intenerì e propose un’indovinello alla donna: “Se indovinerai ciò che sto per fare, lascerò libera tua figlia, ma se sbaglierai la risposta, diventerà il mio pasto. E’ molto semplice, devi solo indovinare ciò che sto…

  • Matematica no problem,  Pillole di matematica

    Le proprietà delle 4 operazioni

    Per fare bene e velocemente le operazioni è bene conoscere e saper applicare le loro proprietà. Vi ho preparato un piccolo, ma spero chiaro ed esauriente vademecum sulle proprietà delle 4 operazioni. ADDIZIONE Proprietà commutativa: in una addizione, cambiando l’orine degli addendi il risultato non cambia: 15 + 9 = 9 + 15 = 24 proprietà associativa: in una addizione con tre o più addendi, si può sostituire a due di essi la loro somma e il risultato non cambia: 16 + 23 + 4 = (16 + 4) + 23 = 20 + 23 = 43 proprietà dissociativa: in una addizione si può sostituire un addendo con altri due…

  • Matematica no problem,  Pillole di matematica

    Usiamo le decine intere…ovvero la proprietà dissociativa

    Paperino è alle prese con complicate formule matematiche e il suo cervello sta fumando. Per non ridursi come lui basta conoscere qualche trucchetto e si diventa perfettamente in grado si districare la complicata matassa della matematica. A scuola ci dicono di studiare le proprietà delle quattro operazioni e spesso sottovalutiamo l’importanza di conoscerle a fondo e soprattutto di saperle applicare. Le proprietà servono principalmente per rendere più semplici i calcoli, allora perché non impariamo ad usarle? Spesso ci capita di dover sommare tra loro dei numeri, a volte anche grandi, e ci si trova in difficoltà. Ma con qualche semplice accorgimento vedrete che tutto diventerà più facile. Per sommare due…

  • I grandi matematici,  Pillole di matematica,  Storia della matematica

    Un eccentrico matematico

    Quale matematico non ha in sé una sorta di bizzarria o un filo di follia? I matematici, a detta di tutti, sono strani, eccentrici e un po’ strampalati, e di sicuro Paul Erdos non faceva eccezione. Anzi è stato sicuramente uno dei più eccentrici del suo tempo. Nacque a Budapest il 26 marzo del 1913 e non si dovette attendere molto per scoprire le sue innate doti matematiche. A soli tre anni infatti scoprì i numeri negativi dopo aver calcolato una sottrazione e passava il suo tempo ad inventare e risolvere problemi matematici. Il padre, anch’egli matematico, lo spinse allo studio delle serie e della teoria degli insiemi e a…